tv-kp

Saranno Pallacanestro Trieste e De’ Longhi Treviso a giocarsi la vittoria finale del Trofeo Andrea Palladio.
Le due semifinali andate in scena sabato al palasport di Vicenza hanno visto le due formazioni imporsi rispettivamente su Virtus Roma e Kapfenberg Bulls, al termine di due sfide belle e combattute.
E uno spettacolo altrettanto appassionante è lecito attendersi dalle finali in programma domenica alle 17.30 e 19.45, all’interno di una giornata che ancora una volta regalerà tante emozioni. Tra le gare di tiro che coinvolgeranno squadre e pubblico, ci sarà spazio anche per la presentazione di Pallacanestro Vicenza 2012, AS Vicenza femminile, Famila Schio e l’Under 14 di Bassano campione d’Italia.
 
Per coloro che non hanno approfittato della prevendita o del mini abbonamento, sarà comunque possibile acquistare il biglietto valido per entrambe le partite al costo di 15 euro (10 euro per gli under 12), direttamente presso la cassa del palasport di Via Goldoni.
 
Risultati semifinali, sabato 7 settembre:
Pallacanestro Trieste – Virtus Roma  81-67
De’ Longhi Treviso – Kapfenberg Bulls  64-60
Programma finali, domenica 8 settembre:
ore 17.30: Virtus Roma – Kapfenberg Bulls (3°/4° posto)
ore 19.45: Pallacanestro Trieste – De’ Longhi Treviso (1°/2° posto)

 
Pallacanestro Trieste – Virtus Roma  81-67

PALLACANESTRO TRIESTE 2004: Coronica 1, Cook 6, Peric 13, Fernandez 10, Jones 10, Strautins 2, Janelidze ne, Cavaliero 5, Da Ros 16, Mitchell 10, Elmore 2, Justice 6. All. Dalmasson.
VIRTUS ROMA: Moore 9, Alibegovic 6, Rullo 2, Dyson 19, Baldasso 4, Spizzichino ne, Pini 2, Spinosa ne, Abbruciati ne, Cosenza ne, Ferrari ne, Jefferson 7, Buford 10, Kizlink 8. All. Bucchi.
PARZIALI: 18-21, 36-33, 62-51.
NOTE: Nessuno uscito per 5 falli. Tiri da due: Trieste 24/44, Roma 19/33. Tiri da tre: Trieste 7/20, Roma 6/34. Tiri liberi: Trieste 12/15, Roma 11/14. Rimbalzi: Trieste 41 (Mitchell 7), Roma 37 (Jefferson 12). Assist: Trieste 14 (Justice 4), Roma 7 (Dyson 3).
 
Nella prima semifinale, Trieste esce alla distanza e si aggiudica la sfida con Roma. Eppure all’inizio i capitolini provano subito a scappare via, con un break di 10-0 ispirato dalle triple di Buford, per l’8-18. Da Ros e Mitchell guidano però il rientro di Trieste, che va anche al sorpasso nel secondo periodo.
La squadra di Dalmasson non è particolarmente fortunata, perché prima dell’intervallo perde Strautins per un infortunio alla caviglia. Ma dopo essere andati al riposo sul 36-33, nella terza frazione sono proprio i biancorossi a tentare l’allungo (55-46 al 26′), ispirati da un efficace Peric.
Il vantaggio toccherà anche le 17 lunghezze, in un quarto periodo che Dyson e compagni controllano, resistendo ai pur generosi tentativi di rientro di Roma.

 
De’ Longhi Treviso – Kapfenberg Bulls  64-60

DE’ LONGHI TREVISO: Logan ne, Alviti 7, Parks 20, Imbrò 5, Slezas 2, Chillo, Uglietti 5, Severini 2, Bartoli ne, Ronca ne, Piccin 10, Cooke 13. All. Menetti.
KAPFENBERG BULLS: Koka ne, Vujosevic 17, Hahn, Gumbs 7, Moschik 2, Jones 14, Sarlija 4, Braxton 13, Schrittwieser 3, Votsch ne, Podany ne. All. Coffin.
PARZIALI: 15-16, 36-30, 52-43.
NOTE: Usciti per 5 falli: Gumbs (37′). Tiri da due: Treviso 18/39, Kapfenberg 11/34. Tiri da tre: Treviso 4/18, Kapfenberg 6/16. Tiri liberi: Treviso 16/21, Kapfenberg 20/30. Rimbalzi: Treviso 37 (Parks e Cooke 5), Kapfenberg 36 (Jones 8). Assist: Treviso 12 (Uglietti e Severini 4), Kapfenberg 4 (Vujosevic, Gumbs, Jones, Sarlija).
 
Senza Logan, tenuto a riposo da coach Menetti, Treviso deve sudare le proverbiali sette camicie per avere ragione della mai doma Kapfenberg. Gli austriaci provano anche a mettere il naso avanti nel primo quarto, rispondendo all’8-2 iniziale della De’ Longhi con un controbreak di 10-2 ispirato da Jones. Proprio lui firma il furto e contropiede che vale il vantaggio ai suoi al 10′, sul 15-16.
Treviso prova a scuotersi nel secondo quarto, con 5 punti di Parks che permettono un nuovo mini allungo. E nonostante le resistenze di Vujosevic, nel finale di tempo una bella tripla di Alviti vale il +6.
Nel terzo quarto Imbrò e compagni provano a chiudere la contesa, ispirati ancora da Parks e da un positivo Piccin. Sono loro a propiziare il 50-35 del 26′, ma nonostante il cospicuo vantaggio la gara non può ancora dirsi finita. Nell’ultimo periodo infatti Kapfenberg rientra più volte a -7, anche se non riesce mai a ribaltare davvero l’inerzia. Finisce con la vittoria di Treviso, e dunque domenica sarà derby del nordest per stabilire la vincente del Trofeo Andrea Palladio.
 

Lascia una risposta